A PALERMO

Droga e piccoli furti, finisce ai domiciliari ma nessuno la vuole in casa

Le hanno messo le manette per ben 4 volte in due settimane per evasione dai domiciliari e per piccoli furti, utili per poter comprare la droga. Il vero dramma di J.M, 24 anni, residente nella zona tra lo Sperone e Brancaccio,  non è solo la sua dipendenza dal crack che la porta spesso a rubare, ma anche il non essere tollerata in casa: proprio l'altro giorno la ragazza ha rubato il telefonino del padre e lui per l'ennesima volta avrebbe deciso di buttarla fuori di casa e di denunciarla, preferendola in carcere, dove a suo avviso, anche in maniera forzata, potrebbe liberarsi dalla droga.

Anche la zia l'ha cacciata di casa diverse volte, fatto che la giovane ha raccontato in commissariato. Ed è proprio per questo che la giovane avrebbe evaso più volte i domiciliari. Adesso su decisione del magistrato, la ragazza dovrebbe iniziare il percorso al Sert, cosa di cui il padre non è convinto, preferendo per lei un periodo in carcere per disintossicarsi.

L'articolo di Sandra Figliuolo nell'edizione di oggi del Giornale di Sicilia

 

 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X