stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, pescivendolo accusato di usura rinviato a giudizio
UDIENZA IL 21 OTTOBRE

Palermo, pescivendolo accusato di usura rinviato a giudizio

Il pescivendolo di Brancaccio, Ignazio Ricotta di 38 anni, accusato di usura, è stato rinviato a giudizio dal gup di Palermo. La prima udienza si terrà il 21 ottobre.

Ricotta è stato arrestato lo scorso anno dai finanzieri del nucleo di polizia economica e finanziaria di Palermo, dopo la denuncia di un ristoratore, assistito dall’avvocato Fabio Bognanni, che si era rifiutato di pagare; il pescivendolo aveva prestato 13 mila euro all’imprenditore che aveva problemi con le banche.

Al saldo del debito, l’uomo però, secondo l’accusa, ha chiesto altri soldi fino a pretendere la villetta che il ristoratore possiede a Mazara del Vallo.

L’imprenditore si è quindi rivolto ai finanzieri che hanno organizzato la trappola, registrando le minacce rivolte da Ricotta al ristoratore. ANSA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X