stampa
Dimensione testo
IL PROVVEDIMENTO

Mafia all’ippodromo di Palermo, il Tar apre al ricorso contro l’interdittiva

È stata fissata per metà aprile l’udienza di merito davanti ai giudici del Tar per valutare il ricorso dell’Ires, la società che per decenni ha gestito l’ippodromo e che ormai è in liquidazione, contro l’interdittiva antimafia emessa dal prefetto Antonella De Miro a dicembre del 2017.

È servito più di un anno - si legge sul Giornale di Sicilia in edicola - per arrivare a questo giudizio, visto che a febbraio dell’anno scorso – respingendo la richiesta di sospensiva da parte dell’azienda – il tribunale aveva rinviato a data da destinarsi «per la complessità degli atti».

Nel frattempo, l’Ires si era appellata anche al Cga, almeno sull’aspetto cautelare, ma in assenza di una pronuncia del Tar, i giudici non avevano potuto che rinviare il fascicolo in primo grado, perché venisse vagliato «con urgenza».

Mafia, chiesti oltre 270 anni di carcere per i boss del clan Resuttana di Palermo: nomi e foto

Il provvedimento del prefetto era scattato il 7 dicembre di due anni fa, cioè qualche giorno dopo l’operazione antimafia «Talea», in cui i carabinieri – con intercettazioni che si fermavano però all’inizio del 2015 – avevano fatto emergere gli interessi e le pressioni di Cosa nostra, nonché un giro di gare truccate all’interno dell’ippodromo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X