stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia a Palermo, l'ordine dei boss di Pagliarelli: "Basta estorsioni, troppi rischi"
GDS IN EDICOLA

Mafia a Palermo, l'ordine dei boss di Pagliarelli: "Basta estorsioni, troppi rischi"

di
arresti mafia, cupola 2.0, mafia palermo, Palermo, Cronaca
Un frame tratto dall'indagine della dda di Palermo che ha portato al fermo di 46 persone tra cui il nuovo capo dell'organizzazione, Settimo Mineo

I boss che rinunciano alle estorsioni. Sembra fantascienza, visto che attraverso l’imposizione del pizzo Cosa nostra consolida soprattutto il suo controllo sul territorio, eppure è proprio questo l’ordine che sarebbe arrivato appena qualche mese fa dai vertici del mandamento di Pagliarelli: “No! Non dobbiamo fare più niente!”.

Troppi imprenditori “sbirri”, troppi rischi. La decisione – come si può leggere in un articolo pubblicato sul Giornale di Sicilia oggi in edicola – non sarebbe piaciuta né al boss di corso Calatafimi, Filippo Annatelli, né a quello di Rocca-Mezzomonreale, Gioacchino Badagliacca, finiti in cella col blitz “Cupola 2.0” di una settimana fa, che avrebbe cercato un modo per aggirarla. Perché senza rivendicare la “messa a posto”, come dice Annatelli, “è andata a finire qua, a tipo… non c’è più rispetto… questi arrivano, montano, ti guardano in faccia, ridono…”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X