stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia a Palermo, i summit nei negozi e i boss puntano all'affare dei carburanti
DA GDS IN EDICOLA

Mafia a Palermo, i summit nei negozi e i boss puntano all'affare dei carburanti

arresti mafia, cupola 2.0, mafia palermo, Palermo, Cronaca
Un frame tratto dall'indagine della dda di Palermo

Degli affari i boss parlavano nei negozi a loro "vicini". Nel solarium di Marco La Rosa, in via Maria Santissima Mediatrice, si parlava per esempio di importanti affari: un impianto per la distribuzione di carburante. Il tarlo per i boss di Pargliarelli però è trovare un prestanome giusto, l'insospettabile a cui intestare la società. Ne dà notizia un articolo di Sandra Figliuolo sul Giornale di Sicilia di oggi.

Continuano a emergere particolari dall'operazione Cupola 2.0 che ha portato la settimana scorsa all'arresto di 47 persone, tra cui Settimo Mineo, considerato il capo della nuova commissione provinciale in cui cosa nostra si era riorganizzata a Palermo.

È proprio nelle attività commerciali che i boss organizzavano i summit per decidere affari, mosse e strategie. I nuovi capi di cosa nostra avevano una rete di fiancheggiatori pronti ad attivarsi per ogni evenienza. Come si legge in un articolo di Leopoldo Gargano, sempre sul Giornale di Sicilia di oggi, ci sono commercianti che mettono a disposizione i loro negozi per gli incontri.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X