stampa
Dimensione testo
LA LETTERA

Imprenditore del Borgo Vecchio picchiato a Palermo, l'aggressore si scusa e lo risarcisce con 2.500 euro

Dopo l'aggressione le scuse. Antonio Cannata scrive una lettera a Giovanni Caruso, titolare di un pub nel quartiere Borgo Vecchio di Palermo, picchiato la scorsa domenica a tarda notte per avere tentato di prendersi cura della fidanzata di Cannata, che piangeva in strada, offrendole una sigaretta. "Non avrò pace fino a quando non ti stringerò la mano".

Nella missiva, affidata al suo legale Giuseppe Di Stefano, Cannata scrive: "Chiedo scusa a Giovanni Caruso e a tutta la città per il gesto che ho compiuto". La busta contiene anche un assegno di 2.500 euro, a titolo di provvisorio risarcimento per il titolare del pub.

"Cannata in questo periodo ha vissuto un forte stress per le condizioni del padre ricoverato in gravissime condizioni - spiega l'avvocato - per un incidente domestico". Solo grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza i carabinieri del nucleo investigativo sono riusciti a risalire alla donna e a lui, che è titolare di un'attività che rifornisce i panifici.

Gli investigatori avevano diffuso il video del pestaggio. La vittima in passato ha denunciato il pizzo e in un primo momento si pensava che l'aggressione fosse legata alla sua attività contro il racket.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X