stampa
Dimensione testo
LA REPLICA

"Estorsione ai dipendenti" del Bingo di Palermo, il deputato Gennuso nega le accuse

estorsioni bingo palermo, Giuseppe Gennuso, Palermo, Cronaca
Giuseppe Gennuso

«Voglio puntualizzare che nel 2015, né io né mio figlio, eravamo proprietari del Bingo Magic di Palermo, quindi non abbiamo avuto nessun rapporto con i dipendenti dell’epoca». Lo dice il deputato regionale Giuseppe Gennuso, dopo le notizie riportate da alcuni organi di informazione sull'indagine a suo carico per presunte pressioni fatte ai lavoratori del Bingo Magic per accettare compensi più bassi.

«Quello che affermano i tre dipendenti non riguarda il 'Gruppo Gennuso' - prosegue il deputato-imprenditore - Non c'è stata nessuna minaccia perché tutti i lavoratori, hanno firmato l'accordo assistiti dal sindacato. La trattativa sindacale è stata fatta dagli ex proprietari, nella fattispecie da Leonardo Burgio, sindaco di Serradifalco e dalla madre, Daniela Faraoni, direttrice amministrativa dell’Asp di Catania. In questa storia siamo completamente estranei e vorrei ricordare a quanti hanno memoria corta, che noi le minacce le abbiamo sempre subite, pure dalla mafia palermitana e le abbiamo tempestivamente denunciate all’autorità giudiziaria».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X