stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia a Palermo, confisca per Villa Giuditta e Villa Cavarretta
DA GDS IN EDICOLA

Mafia a Palermo, confisca per Villa Giuditta e Villa Cavarretta

di

PALERMO. Il titolare di fatto è in una «posizione altalenante»: ha rapporti con i mafiosi, li denuncia e poi chiede scusa, li fa condannare e offre un «risarcimento» per farsi perdonare, si prende gli insulti e alla fine il risultato è la confisca delle attività di Michelangelo Maurizio Lesto, 54 anni: passano allo Stato, fra gli altri beni, Villa Giuditta, il Dancing Club e Villa Cavarretta di Bagheria.

Formalmente è tutto intestato a Francesca Marzia Lesto, 31 anni, la figlia del «proposto»: ma la sezione misure di prevenzione del Tribunale ritiene che si tratti di una interposizione fittizia e procede contro il padre, confiscando pure altri pezzi di un piccolo patrimonio all’altro figlio dell’imprenditore, Girolamo Lesto, 28 anni, un appartamento di corso dei Mille, due auto e un conto corrente postale.

Altri dettagli sul Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X