stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lotto clandestino per finanziare la cosca mafiosa di Brancaccio
PALERMO

Lotto clandestino per finanziare la cosca mafiosa di Brancaccio

di
mafia brancaccio, Palermo, Cronaca
Giuseppe Lo Porto

PALERMO. Ai tempi del «10eLotto» con estrazioni lecite ogni cinque minuti e ad ogni angolo della città, la mafia a Palermo continua a fare affari con i numeri giocati in nero. Incassi (ma anche perdite) di migliaia di euro frutto delle puntate su ambi, terni e ritardatari.

Il clan di Brancaccio sgominato dalla retata con 32 arresti si finanziava anche così. Non solo business di nuova generazione come le false fatturazioni e il commercio di pedane di legno, ma anche canali di approvvigionamento classici come le estorsioni, la droga e, appunto, il lotto clandestino.

Blitz a Brancaccio, azzerati i vertici - Nomi e foto

È quanto emerge dall’inchiesta coordinata dalla Procura di Palermo che ha consentito di decapitare la famiglia che sarebbe stata guidata da Pietro Tagliavia, 39 anni, sorpreso l’altro ieri dalla squadra mobile di Firenze in un’abitazione di Capraia e Limite, nel Fiorentino, dove si era appena trasferito. Lì avrebbe dovuto proseguire a osservare la misura degli arresti domiciliari per scontare una precedente condanna. Dalla Toscana, invece, Tagliavia avrebbe continuato a gestire il mandamento grazie ai suoi bracci esecutivi rimasti in Sicilia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X