L'OMICIDIO ALLA ZISA

Pochi parenti e amici ai funerali privati
di Dainotti dopo il divieto del questore

PALERMO. Sono stati celebrati nel massimo riserbo i funerali del boss Giuseppe Dainotti, 67 anni, ucciso lunedì mattina in via D'Ossuna, a Palermo.

Alla funzione hanno preso parte amici e parenti nella chiesetta di Santo Spirito, nel cimitero di Sant'Orsola, invece che in quello dei Cappuccini dove qualcuno aveva messo a disposizione un loculo; ma qui i tempi per espletare le pratiche della sepoltura sarebbero stati più lunghi, visto che la tomba era di persone terze.

Il questore di Palermo Renato Cortese ieri ha vietato i funerali pubblici del boss, concedendo la possibilità di celebrare una messa privata nella cappella del cimitero. I funerali, prima della decisione del questore, erano stati fissati per oggi alle 9.30 nella parrocchia Santa Maria della Pace, in piazza Cappuccini, non distante dalla via dei Cipressi dove Dainotti viveva con la moglie quarantottenne.

Nel marzo 2014, ai funerali di un altro boss del quartiere Zisa, Giuseppe Di Giacomo, la bara portata in spalla per le strade del quartiere, con tanto di gonfalone di una confraternita, diventò un caso nazionale; alcuni commercianti erano stati anche costretti ad abbassare le saracinesche al passaggio del feretro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X