stampa
Dimensione testo
COMUNE

Sviluppo agricolo, a Caccamo un bene confiscato diventa sede dell'Esa

PALERMO. Il sindaco del Comune di Caccamo, Andrea Galbo e il direttore generale dell'Esa, Fabio Marino, hanno siglato oggi un contratto di comodato d'uso gratuito a favore dell'Ente per la cessione del bene confiscato alla mafia ed assegnato al Comune di Caccamo.

L'assegnazione del bene in via del Carmine 50 "rappresenta una buona prassi tra amministrazioni pubbliche per l'utilizzo dei beni confiscati alla mafia" ha affermato in una nota il Direttore Generale dell'Esa, Fabio Marino.

L'Esa, ha proseguito Marino, utilizzerà il bene come sede operativa della Sopat dell'Esa di Caccamo per lo svolgimento delle attività istituzionali dell'Ente.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X