stampa
Dimensione testo
CORTE D'APPELLO

Benzinaio ucciso per "il pieno troppo caro": confermata condanna a 30 anni

di

PALERMO. La Corte d'assise d’appello di Palermo ha condannato a trent'anni Mario Di Fiore, l'ex muratore accusato di avere sparato e ucciso, nel giugno 2015, Nicola Lombardo, un benzinaio di piazza Lolli, a Palermo. La Corte ha così confermato la sentenza di primo grado riconoscendo l’aggravante dei futili motivi.

L’avvocato Giuseppe Avarello, che difende Di Fiore, ha annunciato ricorso in Cassazione proprio sull’aggravante.

Alla base dell'omicidio, secondo la ricostruzione dell'aggressione venuta fuori durante il lungo interrogatorio cui Di Fiore fu sottoposto in questura, il prezzo del carburante considerato troppo caro dall'ex muratore.

Di Fiore avrebbe litigato con la vittima, sparandogli poi alle spalle con una 7,65 che possedeva illegalmente dopo avere subito due rapine. "Ho saputo che era sposato e aveva due figli, sono distrutto", aveva detto al suo avvocato.

Inizialmente gli inquirenti avevano pensato a un tentativo di rapina finito nel sangue, ma la dinamica dell'agguato aveva suscitato più d'una perplessità lasciando spazio alle ipotesi più disparate. Fino alla svolta avvenuta nelle ore successive all'omicidio, con il fermo di Mario Di Fiore, condotto in Questura e messo sotto torchio dagli investigatori della squadra mobile.

Era andato a trovare la figlia che vive nella zona di via Dante a Palermo. Poi aveva deciso di fare il pieno nel distributore di benzina in piazza Lolli. Mario Di Fiore ex imprenditore edile era armato perché in passato avrebbe subito due rapine. Si sentiva più sicuro ha detto agli agenti della mobile.

Le telecamere di alcuni negozi hanno ripreso un frammento della targa. Gli agenti della squadra mobile con migliaia di combinazioni sono risaliti alla vettura. Rintracciato nel suo appartamento a Brancaccio Di Fiore ha confessato il delitto. Gli agenti hanno poi chiuso il cerchio sul delitto quando in un magazzino a Ficarazzi ritrovarono la pistola in un secchio ricoperta da stracci.

La famiglia di Lombardo si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Fabio Lanfranca che ha fatto ricorso in appello, ottenendo un risarcimento di 150 mila euro ciascuno per la moglie e i due figli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X