stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio Mazzè allo Zen di Palermo, condannati a 30 anni i due presunti killer
IL PROCESSO

Omicidio Mazzè allo Zen di Palermo, condannati a 30 anni i due presunti killer

di

PALERMO. Regge la ricostruzione del pm Geri Ferrara che ha rappresentato la Procura nel processo a due imputati accusati dell'omicidio di Fabio Mazzè, il pregiudicato che è stato ucciso allo Zen a marzo 2015. Il gup ha condannato a 30 anni ciascuno Stefano Biondo e Fabio Chianchiano, i due presunti killer.

Sono accusati di omicidio, detenzione illegale di armi e di avere sparato contro l'abitazione di Michele Moceo, amico di Mazzè che doveva essere il secondo obiettivo del commando. Per favoreggiamento sono stati condannati Rosario Sgarlata (2 anni) e Claudio Viviano (1 anno e 4 mesi). Si sono costituiti parte civile la moglie e i due figli minorenni, con l'assistenza dell'avvocato Maurilio Panci, e gli altri due figli della vittima: Paolo Mazzè, difeso da Ezio De Benedictis, e Antonietta, assistita da Dimitri Di Giorgio.

Il delitto sarebbe stato determinato dalla violenta lite scoppiata tra Fabio Chianchiano e uno dei nove fratelli di Mazzè, in un bar dello Zen. Le telecamere del locale ripresero la scena. Qualche ora dopo Mazzè fu affiancato da un'auto blu con due persone a bordo che scesero e gli spararono.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X