stampa
Dimensione testo
LA SENTENZA

"Falso con la multa": vigile condannato a otto mesi a Palermo

di
Secondo l’accusa attestò che l’automobilista non era presente indicando anche un luogo diverso dell’infrazione

PALERMO. La contravvenzione sarebbe dovuta costare 54 euro all’automobilista, ma in realtà è costata molto di più, al vigile, condannato a 8 mesi. Pena sospesa — e con una notevole riduzione rispetto ai due anni del primo grado — all’agente di polizia municipale Giovanni Ferina, 54 anni, «reo» di aver multato, nel marzo 2014, tra viale Lazio e viale delle Alpi, un automobilista commettendo un falso, una sorta di contravvenzione «a tradimento», della serie «non si preoccupi che, se si sposta, non le faccio niente» e invece poi il verbale era arrivato, puntuale e inesorabile, a casa.

Un affronto gravissimo, perché ritenuto contrario al fair play dell’eterno e più o meno leale duello tra automobilisti e caschi bianchi. Tuttavia, secondo i giudici, in questo caso è stato violato anche il codice penale: perché nell’atto amministrativo era stata rilevata la sosta in doppia fila, contestazione in realtà non rispondente alla realtà, e il conducente sarebbe stato dato per assente al momento della verbalizzazione, quando invece si era presentato, come spesso accade, per spostare l’auto in extremis.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X