stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Intestazione fittizia, confermata assoluzione per ex dirigente del Palermo
IN APPELLO

Intestazione fittizia, confermata assoluzione per ex dirigente del Palermo

PALERMO. E' stata confermata in appello l'assoluzione di Giovanni Pecoraro, ex responsabile del settore giovanile del Palermo calcio e procuratore sportivo. Per lui, difeso dall'avvocato Giovanni Castronovo, erano già cadute in primo grado le accuse di intestazione fittizia e riciclaggio. Assolti Vito Nicolosi e Stefano Biondo che rispondevano di gioco clandestino come gli altri imputati per i quali è caduta l'aggravante di avere favorito la mafia.

Confermate le condanne a due anni e due mesi inflitte ad Antonino Provenzano, Salvatore D'Anna e Guido Spina. A Giuseppe Provenzano sono stati inflitti due anni e quattro mesi in continuazione con una precedente condanna. La corte ha inflitto a Domenico Alagna un anno e quattro mesi. Un anno per Aurelio Puccio. L'inchiesta era partita dai file trovati nel computer di Giuseppe Provenzano, titolare di un negozio di ferramenta. Durante una perquisizione a casa sua, i finanzieri trovarono file, pen drive, pc e la contabilità delle scommesse clandestine.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X