PALERMO

Tangenti, la procura chiede 5 anni e 4 mesi per Helg

La condanna richiesta è diminuita di un terzo per il rito abbreviato

PALERMO. La Procura ha chiesto la condanna a cinque anni e quattro mesi per Roberto Helg, l'ex vicepresidente della Gesap e presidente della Camera di commercio di Palermo, arrestato mentre intascava una tangente dal pasticcere Santi Palazzolo che richiedeva la proroga dell'affitto di uno spazio all'aeroporto di Punta Raisi.
Nella requisitoria l'accusa ha stigmatizzato la condotta di Helg ricordando anche il travaglio interiore del pasticcere che decise di denunciarlo e consentì agli inquirenti di coglierlo in flagranza. Il processo si svolge davanti al gup Daniela Cardamone. La condanna richiesta è diminuita di un terzo per il rito abbreviato. La Procura, rappresentata da Dino Petralia, Luca Battinieri e Claudia Ferrari, era partita dalla pena di otto anni di reclusione.

Dopo le repliche dei pm Luca Battinieri e Claudia Ferrari, il gup Daniela Cardamone è entrata in camera di consiglio per decidere. "Quello che Helg aveva prospettato a Palazzolo era di essere ingiustamente avvantaggiato", ha spiegato l'avvocato Giovanni Di Benedetto. Per questo tipo di reato sono previste pene più basse.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X