stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, inchiesta sui beni confiscati: il Csm convoca Di Vitale
CORTE D'APPELLO

Palermo, inchiesta sui beni confiscati: il Csm convoca Di Vitale

ROMA. La Prima Commissione del Csm ha convocato per giovedì prossimo il presidente della Corte di appello di Palermo Salvatore Di Vitale. Si tratta del primo atto dell'istruttoria che riguarda i cinque magistrati indagati a vario titolo dalla procura di Caltanissetta per la gestione dei beni sequestrati alla mafia e nei cui confronti la Commissione ha aperto la procedura di trasferimento d'ufficio per incompatibilità ambientale.

Di Vitale era già stato ascoltato nel corso della missione di una delegazione ristretta del Csm a Palermo. A differenza di quell'occasione, l'audizione di dopodomani sarà formale e vi parteciperanno tutti i componenti della Prima Commissione. Per ora non sono state decise altre convocazioni, in attesa del rinnovo della composizione della stessa Commissione prevista per la prossima settimana.

Ma saranno sentiti certamente anche tutti i magistrati nei cui confronti è stata aperta la procedura e cioè l'ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale Silvana Saguto, i colleghi Lorenzo Chiaromonte e Fabio Licata, che come lei hanno lasciato l'ufficio, l'ex consigliere del Csm Tommaso Virga e il pm della Dda di Palermo Dario Scaletta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X