stampa
Dimensione testo
IMMIGRAZIONE

Sbarco a Palermo, sono nove gli scafisti fermati

Sarebbero responsabili della morte di 12 persone che viaggiavano su un gommone quasi affondato a largo delle coste libiche

PALERMO. Nove persone, approdate ieri a Palermo insieme a oltre 700 migranti soccorsi nel Canale di Sicilia dal pattugliatore Dattilo, sono state fermate dalla polizia con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Sarebbero gli scafisti che erano alla guida di sei gommoni partiti dalla Libia e intercettati a 40 miglia da Tripoli. Uno dei gommoni è naufragato nella traversata e 12 persone sono morte.

Ieri notte la polizia ha fermato due dei migranti che guidavano l'imbarcazione contestando loro, oltre al favoreggiamento della'immigrazione clandestina, l'omicidio volontario. Avrebbero stipato su un gommone da dieci persone 120 extracomunitari. L'imbarcazione aveva falle fin dalla partenza e a un certo punto ha cominciato a imbarcare acqua.

I passeggeri presi dal panico hanno fatto inclinare il gommone. In 12 sono annegati. La procura di Palermo ha aperto un'inchiesta. In serata la svolta con i fermi. L'indagine è coordinata dal procuratore Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Maurizio Scalia e dai pm Roberto Tartaglia, Annamaria Picozzi e Claudio Camilleri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X