stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tania travolta e uccisa, processo per direttissima per Sclafani
PALERMO

Tania travolta e uccisa, processo per direttissima per Sclafani

PALERMO. Ha trascorso la notte nella camera  di sicurezza della questura, Pietro Sclafani, il commerciante palermitano che, ieri, ha travolto ed ucciso Tania Valguarnera,  giovane dipendente di un call-center che stava andando a lavoro. In tarda mattinata è arrivato in tribunale per il processo per direttissima. È accusato di omicidio colposo, resistenza a pubblico ufficiale e omissione di soccorso. Sarebbe risultato positivo al test sull'uso di droga. Ma il punto è tutto da chiarire perché, ha spiegato il legale, "le analisi delle urine e quelle del sangue sono in contrasto tra loro. Le prime sono negative, le seconde positive".

Il giudice monocratico Vascellaro deve convalidare l'arresto. Il legale dell'indagato, Ninni Reina, dovrà decidere il rito da scegliere.

L'uomo è fuggito dopo l'incidente ed è stato arrestato dalla polizia. In serata sono stati completati gli esami tossicologici  ed è stato accertato che Sclafani aveva assunto una dose notevole di stupefacenti. Secondo indiscrezioni, l'uomo, al momento dell'incidente, stava anche parlando al telefono.

Nel 2014 gli era stata già ritirata la patente per eccesso di  velocità, il documento gli era stato poi riconsegnato, ma avendo "collezionato" ben trenta contravvenzioni per guida troppo   veloce, era stato avviato un nuovo iter di sospensione della  patente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X