stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia, estorsioni a Brancaccio: sequestro da un milione
PALERMO

Mafia, estorsioni a Brancaccio: sequestro da un milione

Nel mirino Giuseppe Arduino, 44 anni. È stato coinvolto nell'operazione "Araba Fenice" nel novembre del 2011
Palermo, Cronaca
Giuseppe Arduino

PALERMO. Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo, su disposizione del Tribunale, ha sequestrato beni per un milione di euro a Giuseppe Arduino, 44 anni, arrestato per mafia ed estorsione. Tra i beni vi sono  4 fabbricati e un terreno,  2 autoveicoli e conti correnti.

Secondo il dispositivo del Tribunale ''la condotta intimidatoria e la conseguente pericolosità sociale del proposto consisteva nel manifestare ai  titolari delle attività commerciali la propria appartenenza all'organizzazione mafiosa Cosa Nostra, richiedendo loro somme di denaro, anche per il sostentamento delle famiglie dei detenuti; a tali pretese si univano, altresì, danneggiamenti di attività produttive e pestaggi ai danni dei soggetti che si rifiutavano di pagare''.

Arduino è stato coinvolto nell'operazione "Araba Fenice" condotta dalla Squadra Mobile di Palermo nel novembre 2011, nella quale gli è stato contestato di aver cooperato nell'attività estorsiva con Cesare Lupo e Antonino Sacco, mafiosi di Brancaccio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X