MAFIA

Arresti per estorsione a Palermo, decisive le denunce di due imprenditori

di

PALERMO. Hanno preferito denunciare e non continuare a subire le richieste sempre più pressanti degli uomini di Cosa Nostra. Due imprenditori dell'azienda che lavora all'interno del porto la Sicilspeed sono andati in caserma dai carabinieri e hanno riconosciuto i due estorsori.

In manette sono di nuovo finiti  Giuseppe La Torre, al vertice di un'associazione che in questi anni avrebbe commesso furti, rapine ricettazione e sequestro di persona e Danilo Gravagna, che avrebbe avuto un ruolo fondamentale nella logistica per l'esecuzione dei reati.

I due imprenditori hanno raccontato che da sette anni pagavano il pizzo 500 euro a un signore che puntualmente, a Pasqua e a Natale, si presentava davanti ai loro uffici.  Poi le richieste sono aumentate.

Gravagna chiese che i trasporti dell'azienda fossero gestiti direttamente da lui. A questo punto i due titolari dell'azienda si sono ribellati.

L'inchiesta è la prosecuzione dell'operazione "New Gate" dell'ottobre 2013, nella quale era emerso che la ditta già dal 2007  pagava il pizzo a esponenti di "Cosa Nostra" poi tratti  in arresto nell'operazione Eleio del giugno 2010.

Dopo l'operazione, il pagamento del pizzo si era interrotto, ma a distanza di un anno si sarebbero presentati La Torre e Gravagna a vessare l'impresa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X