stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Aritmia cardiaca, nuova tecnica di intervento eseguita a Villa Sofia
PALERMO

Aritmia cardiaca, nuova tecnica di intervento eseguita a Villa Sofia

L'operazione è stata effettuata su un uomo. Si tratta di un'ablazione delle vene polmonari con sistema laser

PALERMO. La nuova e più sofisticata tecnica per il trattamento della fibrillazione  atriale arriva all’Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello. E’ stato eseguito negli scorsi giorni   infatti, presso il Laboratorio di Elettrofisiologia dell’Unità operativa di Cardiologia diretta da   Nicola Sanfilippo, il primo intervento di ablazione delle vene polmonari con sistema laser.

L’intervento eseguito su un uomo di Palermo dal dottor Orazio Pensabene, responsabile del laboratorio   di elettrofisiologia, e dalla sua equipe, è riuscito perfettamente. Il paziente ha riacquistato il suo   ritmo cardiaco fisiologico ed è già tornato a casa alla vigilia di Natale. Si tratta di una metodica   estremamente innovativa ed all’avanguardia per la cura della fibrillazione atriale, che viene   effettuata in Italia solo a Palermo all’Ospedale Villa Sofia, a Milano al Centro Cardiologico   Monzino e a Roma al Policlinico Umberto I° , oltre che in alcuni qualificati centri europei.

La fibrillazione atriale è un’aritmia cardiaca sopraventricolare causata da impulsi elettrici   “impazziti” provenienti da cellule muscolari miocardiche presenti a livello della giunzione tra   le quattro vene polmonari. Gli effetti per i soggetti coinvolti sono palpitazioni, affanno, con   rischio di ictus dovuto alla formazione di trombi in atrio sinistro. Con l’ablazione, le “zone   incriminate” che provocano questi impulsi elettrici, cioè le vene polmonari, vengono di fatto   isolate e il ritmo cardiaco torna normale.

Questa nuova metodica di ablazione permette di abbattere   i tempi dell’intervento aumentandone il successo clinico, utilizzando due innovazioni di altissima   tecnologia, come l’energia laser e la visione intracardiaca diretta attraverso un micro-endoscopio.   Questo permette di eseguire gli interventi non più basandosi solo su segnali elettrici come fino ad   ora veniva fatto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X