stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia: il presunto boss Graziano era stato arrestato ma scarcerato per mancanza di indizi
GUARDIA DI FINANZA

Mafia: il presunto boss Graziano era stato arrestato ma scarcerato per mancanza di indizi

A Graziano, tirato in ballo dal neo pentito Galatolo, si contesta l'associazione mafiosa e l'illecita concorrenza, ma non la detenzione di esplosivo

PALERMO. Era stato arrestato nell'operazione denominata Apocalisse, ma poi scarcerato per mancanza di indizi. Il tribunale del riesame non aveva ritenuto che a carico di Vincenzo Graziano, presunto capo del mandamento di Resuttana fermato oggi dalla Guardia di finanza, ci fossero elementi sufficienti. Il particolare è emerso durante la conferenza stampa che ha illustrato i particolari del fermo.

A Graziano, tirato in ballo dal neo pentito Galatolo, si contesta l'associazione mafiosa e l'illecita concorrenza, ma non la detenzione di esplosivo, nonostante Galatolo riferisca che era stato lui a procurarsi e a custodire i 200 chili di tritolo che doveva essere usati per l'attentato al pm Nino Di Matteo.

«La famiglia Galatolo - ha spiegato il pm Vittorio Teresi - aveva messo 360 mila euro nella colletta fatta tra i clan per comprare il tritolo e, essendo l'azionista di maggioranza, aveva preteso che l'esplosivo venisse custodito nel suo territorio». Stanotte la finanza ha setacciato l'area controllata dai
Galatolo senza trovare l'esplosivo.

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X