BENI CULTURALI

Tonnara Bordonaro, scatta il sequestro a Palermo: pericoli per i passanti

di
Un anno fa l’ordinanza del sindaco, poi una serie di esposti: ieri i sigilli al muro e al ponte. I proprietari dovranno mettere in sicurezza l’area

PALERMO. Il foglio attaccato sulla ringhiera è lapidario: «Sequestro preventivo» c’è scritto. E si accompagna a metri di nastro rosso e bianco che non lasciano dubbi all’immaginazione.

Dopo un’ordinanza del sindaco di oltre un anno fa, una relazione tecnica del Comune dello scorso luglio e una serie di esposti alla Procura da parte di una rete di associazioni locali, ieri sono scattati i sigilli alla Tonnara Bordonaro, storico simbolo di Vergine Maria. Non a tutta la struttura, s’intenda, ma al muro perimetrale che si allunga per circa trenta metri e al ponticello pedonale del marfaraggio.

Ad entrare in azione sono stati i vigili urbani in forza al Nucleo tutela patrimonio artistico, su spinta della Procura di Palermo che ha aperto un’indagine. E che ha disposto, tra l’altro, che gli uomini della municipale facciano una ricognizione sullo stato anche dei locali interni dell’intera struttura.

«L’autorità giudiziaria - fanno sapere dal comando di via Dogali - si è mossa sulla base di una segnalazione ricevuta. Dopo una lunga indagine, ha disposto il sequestro di queste due porzioni esterne della Tonnara Bordonaro. La ragione - continuano - è legata alla necessità di garantire la pubblica incolumità». Sequestro preventivo che non sarà revocato fino a quando i proprietari dell’immobile (Leonardo D’Acquisto e Maria Laura La Vecchia, ndr) non metteranno in sicurezza l’area con i lavori necessari».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X