stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nuovo piano ospedaliero in Sicilia, Candela: l’Ingrassia non chiuderà
SANITA'

Nuovo piano ospedaliero in Sicilia, Candela: l’Ingrassia non chiuderà

PALERMO. “La presunta chiusura dell’Ingrassia o di alcuni reparti dello stesso ospedale non è mai stata presa in considerazione dalla direzione aziendale”. Lo scrive il direttore generale dell’Asp di Palermo, Antonio Candela, in una lettera inviata a tutto il personale del nosocomio di corso Calatafimi. “Al fine di evitare inutili allarmismi – scrive Candela, nella lettera firmata anche da direttore amministrativo e direttore sanitario aziendali – si intende precisare che ipotesi di chiusura non sono state prese in considerazione nemmeno da altri livelli istituzionali. Ciò – prosegue il manager dell’Asp - può facilmente evincersi dall’ultimo piano di riorganizzazione ospedaliera, concordato con l’assessore regionale della Salute e apprezzato in Giunta di Governo, il quale non prevede alcuna sostanziale modifica dell’attuale assetto. Tale piano – conclude Candela – ha già avuto, peraltro, il parere favorevole della conferenza dei sindaci”.

In Sicilia il taglio riguarderà 400 posti letto per “acuti”. E di questo si era discusso in commissione Sanità all’Ars, presieduta da Pippo Di Giacomo (Pd).

“L’ospedale Ingrassia – aggiunge Nino Dina, presidente della Commissione Bilancio dell’Ars – non chiuderà. La sua è una capacità territoriale importante, che tra l’altro ha in programma investimenti strutturali per 20 milioni di euro e può vantare reparti di eccellenza. Se la nostra voce dovesse essere inascoltata siamo pronti a coinvolgere il territorio”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X