stampa
Dimensione testo
IL CASO

Palermo, Stefania Petyx a giudizio per diffamazione

La nota giornalista di "Striscia la notizia" è accusata di avere offeso la reputazione del titolare di una cooperativa palermitana

PALERMO. La Procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio, per diffamazione, dell'inviata di Striscia la Notizia Stefania Petyx, del direttore della trasmissione Antonio Ricci e dell'ex consigliere comunale del Pid Doriana Ribaudo.

Sono accusati, a vario titolo, di avere offeso la reputazione del titolare di una cooperativa palermitana, la Kraljica Mira, avendo sostenuto, in un servizio televisivo, che questi, candidato nel Pdl, avesse promesso, per ottenere voti, un lavoro di rivenditore di biglietti del bus inesistente, chiedendo pure in cambio il pagamento di 100 euro a titolo di iscrizione alla coop. Per realizzare il servizio, in cui erano state montate le riprese di più giorni, la trasmissione aveva utilizzato una persona che si era finta interessata al lavoro e aveva pagato i 100 euro.

Nella trasmissione, però, secondo il pm Geri Ferrara, non si sarebbe detto che l'azienda municipalizzata che gestisce i trasporti, l'Amat, aveva stretto realmente un accordo con la cooperativa per la vendita dei biglietti del bus e che al «gancio» interessato al lavoro il denaro era stato restituito. A denunciare la presunta truffa, mai accertata dalle indagini, sarebbe stata la Ribaudo che aveva accusato la coop in un'intervista a un quotidiano locale.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X