stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Palermo calcio, quel "fastidioso" diritto di cronaca
L'EDITORIALE

Palermo calcio, quel "fastidioso" diritto di cronaca

di
Pubblichiamo integralmente l’editoriale del vicedirettore responsabile Marco Romano uscito oggi sul Giornale di Sicilia, a seguito dell’arrivo di una lettera diffida del Palermo Calcio alla redazione del nostro quotidiano

Un altro scialbo pareggio in casa. Tre vittorie nelle ultime dieci partite, sei vittorie – e altrettante sconfitte - in 19 partite stagionali. Già tre ko in casa, dove non si vince da metà dicembre. Nono posto in classifica, con metà dei punti della capolista Ternana.

Certo, il calcio non è una scienza esatta, chiunque può trovare argomentazioni opinabili per giustificare o infierire, assolvere o condannare. Però i numeri sono numeri e con quelli alla fine si fanno i conti. E sfidiamo chiunque – giocatori, tecnici, dirigenti, analisti spassionati, tifosi sfegatati – a poter spremere stille di positività dal rendimento stagionale del Palermo. Che questo giornale non ha mai mancato di criticare quando è stato - ahinoi spesso in questa stagione – corretto farlo. Né ha mai mancato di sostenere la tiepida fiammella che quest’anno di tanto in tanto si è accesa, sperando che potesse finalmente scaldare i cuori dei tifosi che un secondo anno di Serie C se lo risparmierebbero volentieri e che invece masticano amaro, guardando ai risultati del campo e alle vicende dirigenziali, fra soci che litigano, comprensibili parsimonie economiche e prospettive nebulose. Verrebbe da dire che siamo all’ovvietà.

Ma questa lunga premessa era necessaria per rassicurare la dirigenza rosanero: il Giornale di Sicilia continuerà a raccontare fatti e misfatti, tormenti ed estasi fra "Barbera" e dintorni, con la consueta attenzione, il consueto scrupolo e la consueta libertà nell’esercizio del diritto di cronaca che accompagnano questa testata e tutti i suoi giornalisti. E non sarà certo una lettera-diffida dai toni sconcertanti e dai contenuti inconsistenti a impedircelo.

L’abbiamo ricevuta in settimana e stentiamo ancora a credere in quel che abbiamo letto. Ci si accusa di aver messo in atto "un’incessante e grave campagna giornalistica avente l’evidente scopo di delegittimare e danneggiare la Palermo Football Club"; si attacca frontalmente il nostro Benedetto Giardina, professionista stimato e integerrimo, da mesi costretto a raccontare le vicende del Palermo nel più totale e assoluto ostracismo da parte della stessa società rosanero; si adombrano fantomatici "interessi personali e/o imprenditoriali di terzi soggetti" dietro il nostro modo di fare informazione; si minacciano richieste di danni "subiti e subendi".

Non tediamo oltremodo lettori e tifosi. Che continueranno a trovare nelle pagine di questo giornale e negli articoli di Giardina e degli altri cronisti più che mai obiettività, imparzialità, credibilità e affidabilità. Di questo vogliamo rassicurarli. E pazienza se questo non rassicura, o forse piuttosto preoccupa, i dirigenti rosanero. Dei quali comprendiamo il nervosismo per i risultati carenti e l’imbarazzo per questioni societarie non tendenti al sereno. Fatti ai quali non intendiamo però sacrificare la nostra correttezza e indipendenza. Se ne facciano una ragione. E lavorino per il bene del Palermo. Quando arriveranno i risultati agognati saremo i primi a sottolinearli. Come facciamo da 120 anni di epopea rosanero.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X