stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Palermo-Sassuolo, una sfida inedita tra due sorprese. I rosanero col dubbio Barreto
SERIE A

Palermo-Sassuolo, una sfida inedita tra due sorprese. I rosanero col dubbio Barreto

di
Alle 18 una sfida tra due squadre in gran forma che interpretano il calcio in modo opposto

PALERMO. La sfida dei mondi. La prima partita della storia tra Palermo e Sassuolo propone due interpretazioni opposte del calcio. A Palermo, per esempio, neppure il più amato dei tecnici (Delio Rossi) restò in sella dopo una sconfitta per 7-0. A Sassuolo, provincia di Modena, Di Francesco dopo averne presi tanti dall’Inter a settembre ha tirato dritto col conforto di tifosi e società, non ha mai rinunciato a tre attaccanti ed eccolo qui. Davanti al Palermo, capace di fermare Roma e Juventus. Chiamiamola la saggezza della provincia, o piuttosto un modo di fare calcio un po’ più distaccato.

Tra Di Francesco (fautore di un calcio iperoffensivo) e Iachini (che ne ha una visione molto più prudente) sarà una bella sfida e poichè non sempre la cifra tecnica è determinante, questo Palermo, che gioca come gli affamati, ha buone possibilità di interrompere la serie positiva del Sassuolo, lunga ormai otto partite. Una in più di quella rosanero. Tre punti oggi potrebbero aprire un nuovo capitolo nel campionato rosanero, la zona Europa sarebbe davvero a un tiro di schioppo e sarà bene arrivare a gennaio più in alto possibile. Anche per «ammortizzare» la possibile partenza di Muñoz.

Le assenze di Berardi, Peluso e Vrsaljko (un attaccante e due difensori esterni) danno una mano al Palermo, a cui però mancherà a Barreto, che difficilmente recupererà. E come s’è visto a Torino il capitano s’apprezza soprattutto quando manca. Al suo posto Chochev, almeno così dovrebbe essere per quanto provato fino a ieri mattina. Il bulgaro s’è visto poco finora ma tatticamente serve a presidiare la fascia sinistra, magari col tempo proverà anche ad inserirsi. A nulla vale che il Sassuolo schiererà tre punte, Iachini non sembra volere rinunciare al «3-5-1-1» e forse fa bene anche se i numeri dicono che giocando con tre attaccanti la squadra emiliana ha subito meno gol dei rosa.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X