Un bassorilievo per ricordare Padre Puglisi

A 21 anni dall’assassinio del sacerdote domani prenderanno il via a Palermo le manifestazioni per non dimenticare
Palermo, Archivio

PALERMO. Un bassorilievo nel luogo esatto in cui il killer lo colpì mortalmente e un albero col suo nome nel Giardino della memoria. Il beato padre Pino Puglisi parla ancora a Brancaccio e non solo. La sua testimonianza di amore e di giustizia diventa esempio per giovani e famiglie, detenuti e pellegrini, che chiedono di conoscere la figura del primo martire di mafia. A 21 anni dall'assassinio di «3P», avvenuto il 15 settembre 1993 a Palermo, il Centro di accoglienza Padre Nostro, in collaborazione con la parrocchia San Gaetano di Brancaccio e la Congregazione delle Maestre Pie Venerini, ha presentato il programma delle manifestazioni per non dimenticare. Una presenza in più quest'anno, quella di un istituto di suore che torna a Brancaccio per offrire il suo contributo sul territorio, proprio come desiderava il sacerdote ucciso dalla mafia.


ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X