stampa
Dimensione testo

Buio e incuria, a Palermo Giardino Inglese in agonia

Manca un’area giochi gratuita per i bambini, l’impianto dell’illuminazione non funziona da anni e i bagni sono fuori uso
Palermo, Archivio

PALERMO. L’amministrazione comunale pensa al restyling del Giardino Inglese, ma intanto, dietro i cancelli di quello che dovrebbe essere un tranquillo giardino all’italiana si nasconde una realtà a sé stante. Una realtà che tra la mancanza di un adeguato servizio di vigilanza, un impianto di illuminazione inattivo ormai da tempo e strutture fatiscenti, nel corso degli anni ha fatto sì che quello che doveva essere un luogo piacevole per i cittadini si trasformasse in tutt’altro. Ed intanto, nell’attesa che parta il recupero della villa storica annunciato dall’assessore al Verde, Francesco Maria Raimondo, l’amministrazione chiude lo spazio alle manifestazioni pubbliche e decide di non dare più concessioni a chi ne volesse fare richiesta. Si è parlato di questo ieri mattina ai microfoni della trasmissione radiofonica televisiva Ditelo ad Rgs. Perché se dall’esterno la vista del verde appaga gli occhi dei passanti, basta addentrarsi all’interno del giardino per rendersi conto che «sono tante le cose che non vanno qui dentro – raccontano Marco e Silvana Giunta, una coppia di marito e moglie che ieri hanno portato qui i propri bambini per trascorrere qualche ora all’aria aperta – non c’è uno spazio dedicato ai bambini, chi vuole è costretto ad usufruire delle giostre a pagamento. La pavimentazione è dissestata, le radici degli alberi l’hanno divelta ed i bambini andando in bicicletta corrono il rischio di cadere. Mio figlio è già caduto».


ALTRE NOTIZIE NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X