stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Rap a Palermo, il contratto non basta: ecco il conto extra

Rap a Palermo, il contratto non basta: ecco il conto extra

Bisognerà che l’amministrazione rimetta mano al portafogli e paghi i servizi a parte, secondo un tariffario che fa riferimento ai prezzi medi di mercato ribassati del 10 per cento

PALERMO. Di salato è salato, il contratto di servizio della Rap. Ma il vero punto è che tenere la città ordinata e pulita sicuramente ci costerà ancora di più rispetto ai quasi 142 milioni di euro che il Consiglio ha assegnato alla società guidata da Sergio Marino.
Infatti, a leggere per benino il contratto di servizio si scopre che con i 142 milioni si riesce a coprire la raccolta dei rifiuti (circa 116 milioni), vigilanza e manutenzione stradale (16,5 milioni), monitoraggio acustico e dell’inquinamento atmosferico (700 mila), pulizia delle sedi giudiziarie (5 milioni), sanificazione, derattizzazione e disinfestazione di aree di proprietà pubblica (3,4 milioni). Ma ci sono altre attività che nel corso dell’anno il Comune ha la necessità di fare: come togliere l’amianto abbandonato in strada, ripulire una piazza dopo un concerto, smaltire le ramaglie dopo un intervento di potatura. E allora? Per questo bisognerà che l’amministrazione rimetta mano al portafogli e paghi i servizi a parte. Secondo un tariffario che fa riferimento ai prezzi medi di mercato ribassati del 10 per cento.


ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X