Tratta di minori, arrestata anche la campionessa olimpica Larysa Moskalenko

Palermo, Archivio

PALERMO.  L'organizzazione che gestiva la tratta dei minori composta da quattro persone, tra le quali l'ex campionessa olimpionica che ha vinto nella vela il bronzo a Seul nel 1988 Larysa Moskalenko, aveva base a Capaci in provincia di Palermo. Le famiglie per recuperare il loro bambino rapito erano disposte a pagare anche 200 mila euro.
La banda avrebbe avuto sedi in mezzo mondo che sfruttava la Sicilia per la sua vicinanza con l'Africa. Dal paese in provincia di Palermo è scattata  un'inchiesta che si estende dal Maghreb al Nord Europa, passando per i paesi dell'Est.
Gli arrestati sono tre stranieri e un palermitano. Moskalenko, nata in Ucraina, trasferitasi a Palermo ormai da oltre vent'anni è imprenditrice nel settore charterismo nautico.
Nel corso delle intercettazioni i carabinieri hanno ricostruito l'organizzazione e il ruolo giocato dalla Larysa Moskalenko che oltre ad essere la compagna del titolare dell'albergo gestisce un'agenzia di noleggio di barche di lusso. Sarebbe stata lei a mettere a disposizione imbarcazioni e skipper per la tratta dei minori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X