PREFETTURA

Palermo, interdittiva antimafia per la gioielleria di Settimo Mineo: "Base operativa dei summit"

di
Palermo, Cronaca
Settimo Mineo

A tre giorni dal maxi blitz dei carabinieri di Palermo che hanno arrestato 48 appartenenti alla nuova cupola Palermitana il prefetto di Palermo, Antonella De Miro, ha adottato provvedimenti interdittivi  a carico di tre ditte della provincia di Palermo.

Tra queste c'è la gioielleria di corso Tukory 182 a Palermo di  Settimo Mineo, ritenuto capo del mandamento di Pagliarelli e a capo della nuova commissione provinciale di cosa nostra. La gioielleria è ritenuta dagli inquirenti la base operativa di Mineo e un luogo dove sono avvenuti diversi incontri tra mafiosi di Palermo.

Il provvedimento interdittivo è stato comunicato al Comune di Palermo ed alla camera di commercio.

L'interdittiva è arrivata anche per la ditta Sicilia conglomerati Srl. L'azienda avrebbe avuto contatti con ambienti della criminalità mafiosa di Mezzojuso. La ditta è stata menzionata nel provvedimento di fermo come impresa la cui fornitura di cemento sarebbe stata imposta ad un imprenditore operante a Villabate dagli indagati insieme a Settimo Mineo. Il provvedimento è stato comunicato ad Anas Spa, al Comune di Palermo ed alla Camera di Commercio.

La terza interdittiva riguarda la ditta costruzioni stradali infrastrutture Srl il cui amministratore e socio unico è Rosario Aloisio. Il provvedimento è stato emesso ai sensi degli art.84, 89 bis e 91 del codice antimafia. Il provvedimento è stato comunicato all’Anas, all’A.V.C.P., all’Agenzia delle entrate di Cagliari, all’Università degli Studi di Catania ed alla Camera di Commercio.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X