IL BLITZ

Mafia a Palermo, l'impiegato Amap assenteista e il business delle scommesse

di
arresti mafia, mafia palermo, Palermo, Cronaca
Un altro frame del video

Decine di agenzie di scommesse dalle quali ricavare non solo il sostentamento per le famiglie dei carcerati (compresa quella del boss Gianni Nicchi), ma anche una quota da consegnare direttamente al nuovo capo della Cupola, Settimo Mineo, fermato ieri dai carabinieri.

A gestire il business nel mandamento di Pagliarelli sarebbe stato un dipendente dell’Amap, Michele Grasso. Come si può leggere in un articolo pubblicato sul Giornale di Sicilia in edicola oggi, l’indagato, impegnato nell’apertura e sistemazione delle sale, avrebbe avuto inoltre difficoltà ad andare al lavoro e così avrebbe anche chiesto ad un collega di timbrare il badge al suo posto.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X