CRISI

Lavoro, Ksm avvia altri 134 licenziamenti in Sicilia

Ksm ha avviato il licenziamento di 134 dipendenti. «E' una situazione inaccettabile», dice Mimma Calabrò, segretario generale della Fisascat Sicilia dopo avere ricevuto l’informazione dalla società. L’istituto di vigilanza dichiara un esubero di personale in Sicilia pari a 134 unità, di cui 53 a Palermo, 15 a Messina, 14 a Trapani, 33 a Caltanissetta, 19 ad Agrigento.

«A poco più di un anno dalla precedente procedura di licenziamento del personale avviata dalla Ksm che è costata il posto di lavoro a oltre 200 guardie giurate siciliane, l’azienda ci dica chiaramente cosa intende fare - afferma la sindacalista - Non vorremmo che questo sia il preludio di un ancora più nefasto futuro. Come si possono assicurare servizi se il personale è ridotto all’osso?».

Calabrò aggiunge: «Necessitano soluzioni strutturali e non tampone, solo così si potrà scongiurare il continuo susseguirsi di procedure su procedure che si traducono in licenziamenti su licenziamenti. I lavoratori e le loro famiglie sono stanchi di vivere col fiato sospeso. Attendiamo, dunque, l’esame congiunto per entrare nel merito della trattativa, sempre accanto ai lavoratori».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X