GLI EVENTI

Vito D'Anna, a Villa Filippina si ricorda uno dei principali pittori del Rococò siciliano

Il 14 ottobre del 1718, a Palermo, nasceva Vito D’Anna, uno dei principali pittori siciliani e maggiore rappresentante del Rococò siciliano.

In occasione dei 300 anni dalla sua nascita, domenica alle 12 davanti la chiesetta “San Filippo Neri” di parco Villa Filippina, l’associazione Urania ricorderà la vita e le opere del pittore palermitano.

Suoi gli affreschi sotto i portici di Villa Filippina, opere che gli furono commissionate, nel 1758 dal sacerdote Don Angelo Serio della Congregazione dei Padri Filippini.

Il 7 Ottobre del 1758 principiò infatti, per volere del sacerdote, la decorazione ad affresco del porticato di Villa Filippina, continuata dal '69 dal discepolo Antonio Manno.

Gli episodi con Storie della vita di Cristo, Ultima Cena, Lavanda dei piedi, Ultima Pasqua, Tributo di Cesare, Gesù e Zaccheo, Potete bere il calice che io sto per bere sono oggi quasi integralmente scomparsi, ma i pochi resti, sino a qualche anno fa, comprovavano la presenza di due mani principali - una senz'altro del D’Anna, riconoscibile per preziosità pittoriche e soluzioni paesistiche raffinate - oltre che di esecutori minori.

Questo ciclo di affreschi, secondo i principi dell’Oratorio, ebbe una funzione educativa e pedagogica, affinchè, attraverso l’illustrazione degli episodi più importanti narrati nei Vangeli, i giovani potessero interiorizzare e portare nella vita quotidiana il modello cristiano.

Allievo del pittore acese Paolo Vasta fino al 1744, iniziò la sua carriera all’età di diciassette anni facendo suo l’uso vivace dei colori tipico della scuola barocca.

Dopo aver concluso i suoi studi presso il Vasta, entra a far parte degli allievi della bottega di Olivio Sozzi, un importante pittore del tempo, del quale sposò la figlia Aloisia nel 1745. Il D’Anna perfeziona le sue tecniche pittoriche a Roma, su suggerimento dello stesso Olivio Sozzi, presso il Maestro Corrado Giaquinto (1745/50ca) come testimonia una lettera di elogi di quest’ultimo inviata allo stesso Sozzi.

Tornato a Palermo nel 1751 inizia i lavori per gli affreschi della Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria – nota a Palermo come “Santa Caterina delle Donne”, sita a Piazza Bellini, difronte la chiesa della Martorana – dipingendo le opere Apoteosi di San Domenico o Gloria dei Santi domenicani o Trionfo dell'Ordine domenicano e Allegorie dei quattro continenti, gli affreschi “Trionfo di Minerva e Allegorie di Virtù all’interno di Palazzo Benenati Ventimiglia e quelli presenti nella Chiesa dei Tre Re dal titolo Trionfo dei Re Magi, Battesimo di Amilcare e Martirio di Baldassarre.

Opere che diedero al D’Anna una certa notorietà divenendo, per i committenti palermitani, un punto di riferimento.

Diverse infatti gli affreschi presenti in molte chiese e palazzi privati della città.

Nel 1754 gli viene affidato dall’Unione dei Miseremini l’incarico di presiedere, regolare e approvare, con l’Architetto Ferrigno, le opere della chiesa di San Matteo e di affrescarla per intero. Sue anche l’opera L’apoteosi di Palermo del 1760, affresco presente nella sala da ballo di Palazzo Isnello, considerata una delle maggiori opere di pittura siciliana del XVIII secolo, e il grande ciclo di affreschi Gloria di San Basilio presenti nella chiesa del Santissimo Salvatore.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X