IL SINDACO

Occupate le case assegnate ai rom a Palermo, Orlando: "I violenti saranno individuati"

"L'amministrazione comunale presenterà insieme al comando di Polizia municipale un esposto alla Procura, affinché siano individuati e sanzionati coloro che compiono o favoriscono atti violenti ed illegali che potrebbero impedire l'attuazione di un provvedimento disposto dalla Magistratura, con riferimento alla dismissione del campo nomadi della Favorita".

A dirlo è il sindaco di Palermo Leoluca Orlando dopo l'occupazione delle case di via Felice Emma a Palermo. Sei famiglie palermitane, con bambini al seguito, hanno fatto irruzione negli appartamenti confiscati alla mafia e che il Comune aveva destinato ai rom rimasti senza un tetto.

I residenti della zona, che si trova dalle parti di via Altofonte, continuano a presidiare la strada, perché non vogliono che i nomadi vadano ad abitare nella loro zona.

"Il piano di dismissione proseguirà nei prossimi giorni secondo il crono-programma che è stato illustrato al Consiglio comunale e comunicato alle competenti Autorità", aggiunge Orlando che, nel contempo, esprime "apprezzamento e condivisione di impegno per tutti gli uffici dell'amministrazione che stanno operando per attuare quanto previsto dal provvedimento del Tribunale, nel rispetto dei regolamenti comunali in materia".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X