DALL'AFRICA

Tratta dei profughi, a Palermo condanne per 124 anni per 16 componenti di una rete criminale

Il gup di palermo Annalisa Tesoriere ha condannato complessivamente a 124 anni di carcere i 16 componenti di una delle principali reti criminali che gestiscono la tratta di migranti tra l’Africa e le coste italiane. Gli imputati, arrestati nell’ambito dell’operazione Glauco 2, erano accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, di avere fatto entrare illegalmente in Italia centinaia di extracomunitari in cambio di somme che andavano dai 1500 ai 2000 dollari ciascuno e di avere consentito ai migranti giunti nel Paese di spostarsi e trasferirsi nel nord Europa.

L’inchiesta, cooordinata dal pm Gery Ferrara, nata dopo il naufragio di un barcone davanti alle coste di Lampedusa ad ottobre del 2013, ha già portato a una prima serie di condanne.

Le pene più elevate, 10 anni e 33mila euro di multa, sono state inflitte ai capi della banda: Ashgedom Ghermay e Yonas Gebititoys. A 8 anni e 24mila euro di multa ciascuno sono stati condannati Gurum Mulubrahan, Yaried Andemeskel, Goitom Netsereab, Teklehaimanot Habtom, Kerebel Goutama Nahome, Ibraim Munire, Radae Yonas, Abrha Yrga, Amare Efrem, Habte Madege. A sei anni e 20mila euro di multa sono stati condannati invece Melles Matywos, Berih Tsegay, Diallo Ibrahima e Omer Mahamed Mudeser.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X