La nuova mafia a Corleone, 6 condanne in appello: 15 anni al capo mandamento

di

La corte d’appello di Palermo ha in gran parte confermato le condanne inflitte in primo grado a sei imputati accusati a vario titolo di mafia ed estorsioni. Condanna a quindici anni per Rosario Lo Bue, indicato come il nuovo capomafia di Corleone,  sei anni e otto mesi a Pietro Pollichino, 9 anni e 8 mesi a Vincenzo Pellitteri (10 anni in primo grado), 8 anni e 8 mesi a Salvatore Pellitteri (classe 1976), 9 anni a Roberto Pellitteri e Salvatore Pellitteri (classe 1992).

Secondo l’accusa, Rosario Lo Bue, 75 anni, ufficialmente faceva il pastore, mentre guidava il mandamento che fu di Riina e Provenzano. Secondo i carabinieri di Monreale, era un capomafia all'antica.

I carabinieri del Nucleo investigativo e della compagnia di Corleone arrestarono Lo Bue assieme agli uomini che avrebbe scelto per guidare i clan di Chiusa Sclafani e Contessa Entellina, giudicati in un altro processo. Per controllare il territorio i nuovi boss si rifacevano al repertorio di sempre fatto di pizzo e intimidazioni.

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X