PSI

Vizzini: "Assordante silenzio su lotta alla mafia e corruzione"

PALERMO. "Mentre altre forze politiche stanno riempendo i propri interventi di promesse spesso non realizzabili e senza copertura finanziaria, un assordante silenzio cade su due temi che sono precondizioni assolutamente necessarie per il buon governo: la lotta alle mafie e alla corruzione”. Lo ha detto l'onorevole Carlo Vizzini, presidente nazionale del Partito Socialista Italiano, intervenuto alla manifestazione elettorale della lista 'Insieme' a Cefalù.

"Sono usciti in Sicilia oltre duecentocinquanta detenuti per reati mafiosi. Sono usciti in tempi recenti, per aver espiato la pena, e questa circostanza comporta la ricerca di nuovi equilibri all'interno delle organizzazioni criminali. È in atto un progetto che, messa da parte la strategia militare e stragista, porta lì dove circola danaro e che può condizionare istituzioni e politica. La stessa campagna elettorale non è impermeabile ai tentativi di infiltrazione”.

"Rispetto a tutto questo chiediamo alle altre forze politiche di respingere a voce alta questo pericolo che può condizionare le scelte dei cittadini abbandonando improbabili riforme, che mai andranno in porto senza una politica libera dalle penetrazioni criminali delle mafie – ha concluso Vizzini, relatore e primo presentatore della definitiva riforma del 41bis -. Occorre infine che la detenzione col 41bis funzioni così come prevede la legge mentre, come è stato dichiarato nei giorni scorsi, vi è oggi un solo carcere che possa impedire realmente ogni contatto con l'esterno. Si vanifica così il risultato voluto dal legislatore e dalle forze dell'ordine, non sorretto dalle strutture attuali”.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X