LA SENTENZA

"Riabilitazione non tempestiva", Villa Sofia dovrà risarcire 84 mila euro ad una paziente

di
consenso informato, stabilizzazione cervicale, Palermo, Cronaca
L’avvocato Emanuele Gualniera

PALERMO. L’ospedale Villa Sofia-Cervello di Palermo non avrebbe eseguito tempestivamente il trattamento riabilitativo a una paziente operata nel nosocomio e la donna non sarebbe stata informata adeguatamente. Per questi motivi, l’ospedale è stato condannato al risarcimento di 84.532 euro. 

Come è stato dimostrato dal legale della paziente, l’avvocato Emanuele Gualniera, la donna non avrebbe ricevuto le cure necessarie dopo tre operazioni – avvenute a maggio e giugno 2005 – di stabilizzazione cervicale. I postumi sono stati cefalea, vertigini, nausea che le hanno causato un nuovo ricovero, ma soprattutto disturbi permanenti come disfagia, con rigurgito dal naso del cibo, ipofonia.

La causa è cominciata nel 2012 ed si è conclusa oggi con la sentenza depositata dal giudice Angela Notaro della terza sezione civile del Tribunale di Palermo. Secondo il giudice “l’azienda ospedaliera è da ritenersi responsabile dei danni patiti dalla signora a causa del ritardato e inadeguato trattamento riabilitativo del linguaggio e della deglutizione e della mancata acquisizione del consenso informato”.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X