ALTAVILLA MILICIA

Ucciso per soldi e fidanzamento rotto, fatta luce dopo 8 anni: due arresti

Palermo, Cronaca
Francesco e Andrea Lombardo

PALERMO. I carabinieri hanno arrestato due persone, padre e figlio di 60 e 35 anni con l'accusa di essere i mandanti dell'omicidio dell'imprenditore Vincenzo Urso, ucciso a colpi di pistola nella notte tra il 24 e il 25 ottobre di otto anni fa sotto la propria abitazione, ad Altavilla Milicia.

L'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Francesco Lombardo e del figlio Andrea, è stata emessa dal Tribunale di Palermo, su richiesta della Dda. Le indagini sono state condotte dal reparto operativo dei carabinieri e della compagnia di Bagheria con l'ausilio di alcuni collaboratori di giustizia.

L'omicidio sarebbe stato deciso per motivi economici: l'impresa movimento terra di Urso faceva concorrenza a quella dei Lombardo che secondo i carabinieri erano a capo della famiglia mafiosa di Altavilla. Ad alimentare i contrasti anche la rottura del fidanzamento da parte della vittima con la figlia di Francesco Lombardo.

Secondo le indagini l'imprenditore era già scampato a un altro agguato, perché i killer nel fare inversione di marcia con la moto avevano perso di vista l'auto della vittima. Francesco Lombardo è stato coinvolto nell'operazione antimafia Argo ed è stato condannato con il rito abbreviato a 14 anni lo scorso 9 febbraio.

Anche il figlio Andrea è finito nell'inchiesta Reset e condannato a 6 anni e 10 mesi di reclusione. I provvedimenti sono stati notificati in carcere al Pagliarelli dove padre e figlio sono detenuti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X