LA SENTENZA

Frugare nella posta dell’ex marito è un reato, psicologa multata a Palermo

di

PALERMO. Nella posta non cercava la prova del tradimento ma, in maniera molto più prosaica e soprattutto pratica, la dimostrazione della capacità dell’ex marito di versarle molto di più, in termini di alimenti.

Frugare e appropriarsi della corrispondenza altrui è però reato e una psicologa di 57 anni, Maria, è stata condannata a 200 euro di multa, per avere violato e utilizzato in tribunale una lettera - un estratto conto bancario - destinata al coniuge separato, Giovanni, di 65 anni: pena simbolica, ma il principio affermato dai giudici di primo e secondo grado riconosce l’inviolabilità della corrispondenza, sancita pure dalla Costituzione.

La decisione ribadisce dunque la «pericolosità» di comportamenti da molti ritenuti normali: quello cioè di chi, senza autorizzazione, va a curiosare nella corrispondenza riservata dei familiari e dei prossimi congiunti.

E il principio, ovviamente nella misura e nei termini riconosciuti dalla legge e dalla giurisprudenza, può valere anche per altre forme di comunicazione, pure per quelle della vita sempre più «social» (da Facebook a whatsapp agli sms) di tutti i giorni.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI PALERMO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X