stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura "Vivi pagliaccio", le foto di Igor Petyx a Palermo: "Racconto la vita dei circensi durante il Covid"

"Vivi pagliaccio", le foto di Igor Petyx a Palermo: "Racconto la vita dei circensi durante il Covid"

E' stata inaugurata ieri, 19 giugno, la mostra fotografica "Vivi pagliaccio" di Igor Petyx di Al Fresco giardino e bistrot di Palermo. La mostra si inserisce in un progetto più ampio, dal titolo "Gira, foto e firria" curato da Salvo Gravano.

"Il progetto Gira, foto e firria nasce dall'idea di rendere questo luogo più coinvolgente - spiega Salvo Gravano -. La fotografia è un linguaggio assolutamente trasversale e chiunque può leggerla senza avere una struttura culturale particolare".

Un altro sguardo sul presente e sulle conseguenze della pandemia trova spazio Al Fresco giardino e bistrot. Al centro del lavoro di Petyx, infatti, c’è una domanda: “Mentre durante il lockdown eravamo tutti a casa a sentire la mancanza degli spettacoli dal vivo, cosa facevano gli artisti?”.

"Questa mostra nasce dalla mia volontà di voler raccontare la pandemia in tutti i suoi aspetti - dice il fotografo Igor Petyx  -, come ha cambiato i modi di vivere delle persone. La curiosità mi portò a chiedermi cosa stessero facendo i circhi in questo periodo di chiusura. Mi sono recato in uno di questi e ho cominciato a raccontare".

Da qui parte la ricerca del fotoreporter palermitano, che ha incontrato e fotografato un gruppo di artisti nei vari aspetti della loro esistenza al di fuori del palcoscenico.

La mostra racconta la vita condotta dai circensi che, provenendo da diversi “tendoni”, durante l'emergenza Covid si sono riuniti e hanno convissuto nel tentativo di superare questo periodo difficile tutti insieme, ritrovandosi a svolgere anche altri lavori come quello del “rider”, ormai molto noto, per sostentarsi.

L’esposizione di Igor Petyx sarà visitabile durante gli orari di apertura del bistrot (nuovi orari estivi, da mercoledì a domenica, dalle 16.30 a mezzanotte) fino al 7 luglio 2021.

Video di Marco Gullà

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X