stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Palermo, le telefonate che incastrano l'impiegato comunale che cancellava tasse ai parenti

Palermo, le telefonate che incastrano l'impiegato comunale che cancellava tasse ai parenti

"È arrivata la Tari a mio figlio, si dovrebbe aggiornare...". Il conoscente chiama al telefono il dipendente del Comune di Palermo e chiede di un intervento. È una delle intercettazioni che incastrano l'impiegato dell'Ufficio tributi di Palazzo delle Aquile sospeso per un anno dai pubblici servizi dopo l'inchiesta della procura e della guardia di finanza che ha fatto emergere una serie di frodi.

Secondo l'accusa il comunale avrebbe registrato pagamenti di Imu o Tari non avvenuti o riduceva gli importi dovuti senza giustificazioni documentali a familiari e amici.

E questa telefonata sembra dimostrare il teorema degli investigatori. Dal tono della voce di chi chiama sembra che la pratica fosse una consuetudine: "aggiornare" nel senso di cambiare l'importo dell'imposta? È questa l'ipotesi.

"Fammi una fotografia dio quello che è arrivato - risponde il dipendente pubblico - così vedo nel dettaglio...".

Le indagini dell'operazione 'Sconto d'imposta' dei militari del nucleo di Polizia economico-finanziaria sono state avviate dopo la segnalazione arrivate dal Comune di Palermo sulla banca dati "Sige Fluendo" utilizzata per la gestione dei pagamenti dei tributi di Imu e Tari.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X