stampa
Dimensione testo

Prof picchiato a Palermo, parla una collega: "Scuola allo sbando, siamo soli"

PALERMO. «Amiamo il nostro lavoro ma oggi siamo venuti a scuola con uno spirito differente. Sono demotivata. Ho sentito il mio collega al telefono 20 minuti fa era in ospedale, è moralmente a terra».

Lo dice Maria Teresa Inzerillo, insegnante di sostegno che da 24 anni lavora nell'istituto comprensivo Antonino Caponnetto di Palermo, dove venerdì un insegnante è stato aggredito dai genitori di un alunno perchè lo avrebbe rimproverato.

«Siamo soli - aggiunge la docente - questa scuola è lasciata allo sbando anche se non era mai successa una cosa del genere».

«Questo - osserva l'insegnante di sostegno - è un quartiere difficile. Chiediamo aiuto, qualcuno ci aiuti a far sentire la scuola come istituzione».

E riferendosi ad alcuni genitori di bambini che frequentano l'istituto afferma:

«Non hanno idea di cosa sia la scuola, la vedono come nemico, come qualcosa di obbligatorio per i loro figli che non porta a nulla. Certo ci
sono genitori che non sono come questi. Ci sono state mamme che
mi hanno espresso solidarietà per quanto accaduto, erano tutti
stupefatti».

Immagini di Marcella Chirchio

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X