Guerra di mafia in provincia di Palermo, 3 ergastoli in appello per l’omicidio Billitteri: nomi e foto

La seconda sezione della Corte d'assise d'appello di Palermo ha confermato i tre ergastoli inflitti in primo grado per l'omicidio di Giuseppe Billitteri, scomparso col metodo della lupara bianca il 22 marzo 2012: colpevoli dell'omicidio del venditore ambulante sono dunque Giuseppe Libranti Lucido, boss di Monreale (Palermo), Giuseppe Lombardo e Giuseppe Antonio Vassallo.

Esclusa per tutti e tre l'aggravante dell'agevolazione di Cosa nostra per i furti a loro attribuiti e il solo Lombardo viene assolto dall'estorsione ai danni di un imprenditore. Valica Buzila, cittadino romeno che rispondeva di furto di bestiame, si è visto ridurre la pena a due anni, otto mesi in meno di quelli che aveva avuto in corte d'assise: il collegio presieduto da Angelo Pellino, a latere Vittorio Anania, ha accolto le richieste del pg Domenico Gozzo, riducendo solo la durata dell'isolamento diurno.

La vittima sarebbe stata punita per avere procurato appalti e forniture alle ditte vicine alla cosca di Monreale. Il cadavere fu però fatto sparire a Camporeale (Palermo). Billitteri si sarebbe opposto alla costituzione del grande, nuovo mandamento che avrebbe dovuto unire tre paesi del Palermitano, Partinico, San Giuseppe Jato e Altofonte, accentrando il potere nelle mani di Antonino Sciortino, allevatore di Camporeale. (AGI)

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X