stampa
Dimensione testo
AMBIENTE

Giornata Nazionale degli Alberi, i bimbi di Palermo piantano 10 alberelli

Anche i più piccoli impegnati per l'ambiente. L’asilo nido comunale l’Aquilone di via Maggiore Toselli, a Palermo, ha organizzato la messa a dimora di dieci alberelli, donati da Acliterra Palermo, con l’aiuto dei piccoli ospiti dell’Asilo arrederanno una parte incolta del giardino interno. L'iniziativa è stata promossa in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, la Extroart.

Decisiva la collaborazione tra le ACLI, i GRE ed i volontari del servizio civile Affido familiare che intende sviluppare maggiormente il senso di appartenenza e di custodia dell’ambiente tramite un rapporto diretto e di condivisione della crescita, tra il bambino ed il suo albero.

L'iniziativa giunta alla sua terza edizione, viene organizzata il 21 novembre in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, riconosciuta ai sensi dell’art. 1 della Legge n. 10 del 14/01/2013, con l’obbiettivo, attraverso la valorizzazione e la tutela dell’ambiente e del patrimonio arboreo e dei boschi, di promuovere politiche di riduzione delle emissioni, la prevenzione del dissesto idrogeologico e la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell’aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all'albero nella cultura italiana e la vivibilità degli insediamenti urbani.

“La nostra Casa sull’Albero-dichiara Ludovico Gippetto ideatore e presidente della Extroart- vuole essere una metafora per promuovere tutti quei comportamenti quotidiani per favorire la crescita ecosostenibili e riconquistare la condivisione immaginativa, a cui i bambini, vengono privati nei loro slanci vitali intimi e creativi. Gli alberi rappresentano, infatti, da sempre un valore inestimabile per l’umanità sono custodi della nostra memoria e fonte di risorse preziose. Essi sono elementi fondamentali dell’ecosistema e, in modo particolare nella città, contribuiscono significativamente a contrastare l’inquinamento ambientale e a migliorare la qualità della nostra vita, sono simbolo di un millenario rapporto tra l’uomo e la natura, fatto di rispetto e armonia”.

“In Europa si perdono-dichiara Gaspare Carbone presidente delle ACLITERRA di Palermo-, ogni ora 11 ettari di suolo; l’Italia contribuisce per circa 1/5 a tale consumo. Il 33% dei suoli a livello mondiale è degradato; ci vogliono fino a 1.000 anni perché 2-3 centimetri di suolo possano riformarsi, una volta degradati; la domanda di cibo, foraggio e fibre è in crescita ed è previsto dalla FAO un aumento del 60% entro il 2050. Un vero e proprio consumo di suolo che comporta, secondo i dati dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, la perdita irreversibile di 6-7 m 2 al secondo, solo in Italia, a causa della sua alterazione profonda e alla copertura artificiale con cemento o asfalto. L’Italia ha una percentuale di consumo di suolo che è quasi il doppio della media europea”.

“Ringraziamo la Extroart-dichiara Umberto Balistreri presidente nazionale dei Gruppi Ricerca Ecologica- che in occasione di questo appuntamento ci vede ancora insieme per una iniziativa che intende promuovere la conoscenza dell’ecosistema boschivo, la tutela della biodiversità e l’integrazione sociale delle diverse etnie finalizzato ad un percorso

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X