stampa
Dimensione testo
IL DOLCE TIPICO

Lo sfoglio delle Madonie, "pace fatta" tra i sindaci di Polizzi Generosa e Petralia Soprana

Si chiude con un brindisi tra i sindaci la guerra dello sfoglio, dolce dell'antica tradizione siciliana: una torta ripiena di formaggio tuma, cioccolata, cannella e zucchero.

Attorno alla paternità della ricetta c'è stato uno scontro, non solo a parole, tra due paesi delle Madonie: Polizzi Generosa, che rivendica lo sfoglio come una propria identità pasticcera, e Petralia Soprana, appena scelta come "Borgo dei borghi", che a sua volta ne aveva promosso uno con denominazione identica.

Le polemiche erano arrivate al punto che il sindaco di Polizzi, Giuseppe Lo Verde, aveva minacciato di trascinare in tribunale i rivali di Petralia accusati di concorrenza sleale e di "furto ai danni della comunità polizzana".

I toni si erano fatti molto duri, le rivalità di campanile avevano fatto il resto. A gettare acqua sul fuoco era stato il sindaco di Petralia Soprana, Pietro Macaluso, che aveva scelto una via diplomatica per attenuare il conflitto: "Lo sfoglio di Polizzi è diverso. Nessuno vuole impossessarsi di un'identità che non ci appartiene". I segnali di pace sono stati ora ripresi da Salvatore Caltagirone, commissario del Parco delle Madonie, di cui i due paesi fanno parte. Il Parco ha organizzato un incontro tra i sindaci delle Madonie per festeggiare il nuovo "Borgo dei borghi".

E nel corso della seduta ha tirato fuori spumante e sfoglio. Quello originale di Polizzi. Davanti al quale i due sindaci rivali hanno ritrovato il sorriso e la propria identità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X