stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Ribaltone a Blufi, il Tar cambia la maggioranza in consiglio comunale
LA SENTENZA

Ribaltone a Blufi, il Tar cambia la maggioranza in consiglio comunale

Palermo, Politica
Domenico Abbate

Ribaltone nel consiglio comunale di Blufi. I giudici del Tar di Palermo presieduti da Guglielmo Passarelli Di Napoli, relatore Aurora Lento, hanno sovvertito l’esito delle elezioni comunali relativamente al consiglio comunale e assegnato la maggioranza alla lista d’opposizione al sindaco. Dalle urne è uscito vincitore il sindaco Calogero Puleo che aveva riportato tre voti in più dell’altro candidato Domenico Abbate.

Al primo è stato attribuito il premio di maggioranza e quindi 7 seggi e tre alla minoranza.
Secondo l’opposizione un’assegnazione illegittima visto che la lista collegata allo sfidante ha ottenuto comunque il 51,56% dei voti.
E così Domenico Abbate, Marianna Coco, Mario Richiusa, Salvatore Sabella, Domenico Vazzano, Manuela Aiosa, Alberga Garofalo e Ivan Porrà hanno presentato ricorso assistiti dagli avvocati Giovanni Puntarello e Giuseppe Scrivano.
Secondo la legge elettorale nei comuni inferiori a 3 mila abitanti la lista collegata al candidato sindaco non eletto ottenga il 50% + 1 del voti validi, alla stessa devono essere assegnati il 60% dei seggi.
Secondo gli avvocati per valutare il superamento della soglia del 50%+1 dei voti, si debbano conteggiare esclusivamente i voti validi di lista e non anche quelli relativi al sindaco.
Il Tar Palermo ha accolto la tesi dei legali disponendo che «il verbale di proclamazione degli eletti e i conseguenti atti impugnati vanno annullati nella parte in cui assegnano alla lista «Insieme per Blufi» 7 seggi anziché 4 e alla lista «Rinnoviamo Blufi» 3 seggi piuttosto che 6 e procedono alla conseguente individuazione dei consiglieri eletti; i risultati elettorali vanno, conseguentemente, corretti nel senso che al posto dei signori Giorgia Pasquariello, Domenica Gulino e Giuseppe Minneci della lista Insieme per Blufi risultano eletti i signori Manuela Alosa, Alberga Garofalo e Ivan Porrà».
Alla luce della sentenza, per il principio dell’effetto decade anche la nomina del presidente del consiglio comunale di Blufi che, a questo, punto, dovrebbe andare all’opposizione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X